IDS-IMPOSTA DI SOGGIORNO

Ultima modifica 27 aprile 2022

Il Decreto legislativo 14/03/2011, n. 23, art. 4 ha introdotto la possibilità per i Comuni capoluogo di Provincia, le Unioni di Comuni e i Comuni inclusi negli elenchi regionali delle località turistiche o Città d’arte, di istituire un'imposta di soggiorno (IDS) a carico di coloro che alloggiano nelle strutture ricettive ubicate sul proprio territorio destinata a finanziare:

  • interventi in materia di turismo
  • interventi di manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali ed ambientali locali, nonché dei relativi servizi pubblici locali.

La norma nazionale dà facoltà alle Amministrazioni comunali, con proprio Regolamento, di adottare o meno l'imposta a seconda di autonome esigenze di bilancio o scelte politiche.

Per maggiori informazioni riguardo alla tematica in oggetto, l'utente può consultare la sezione "SPORTELLO TELEMATICO POLIFUNZIONALE" --> "TRIBUTI" --> "VERSARE L'IMPOSTA DI SOGGIORNO (IDS)". All'interno di questa area il cittadino potrà acquisire tutte le informazioni riguardanti l'imposta di soggiorno. Nello specifico, ne saranno chiarite le caratteristiche principali, la disciplina applicabile e saranno specificati i tempi e le modalità di pagamento della suddetta. L'utilizzo dello sportello telematico polifunzionale, inoltre, consente all'interessato di relazionarsi con l'Ente in due diverse modalità:

  • presentando direttamente online, le proprie richieste ed istanze;
  • scaricando la documentazione desiderata direttamente dal sito. Il cittadino potrà successivamente presentarla allo sportello del Comune in formato cartaceo;